Contact Us

Use the form on the right to contact us.

You can edit the text in this area, and change where the contact form on the right submits to, by entering edit mode using the modes on the bottom right. 

         

123 Street Avenue, City Town, 99999

(123) 555-6789

email@address.com

 

You can set your address, phone number, email and site description in the settings tab.
Link to read me page with more information.

È Alican Süner il vincitore assoluto della XXII edizione del concorso violinistico internazionale “Andrea Postacchini”

Press text

È Alican Süner il vincitore assoluto della XXII edizione del concorso violinistico internazionale “Andrea Postacchini”

Alican Süner

Corriere Adriatico

FERMO – È ALICAN SUNER IL VINCITORE ASSOLUTO DELLA XXII EDIZIONE DEL CONCORSO VIOLINISTICO INTERNAZIONALE “ANDREA POSTACCHINI”. DOPO UNA SETTIMANA DI LAVORO, SI È CONCLUSO SABATO 30 MAGGIO LA MANIFESTAZIONE IN UN TEATRO DELL’AQUILA DI FERMO DAVVERO GREMITO.

Proveniente dal sud della Turchia, 23 anni, il giovane talento del violino ha convinto la giuria presieduta dalla concertista di fama internazionale, il M° Dora Romanoff Schwarzberg che l’ha scelto tra i 112 concorrenti provenienti da 31 nazioni diverse.

A lui va il premio della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo (2400 euro), massimo riconoscimento per la categoria d’età per la quale concorreva, la D (22-35 anni) e, in qualità di vincitore assoluto della competizione, il violino realizzato dal maestro liutaio Giuseppe Quagliano di Jesi e l’archetto del maestro veneto Walter Barbiero. Ulteriore riconoscimento è poi quello che giunge direttamente dalla più alta carica dello Stato, la medaglia del Presidente della Repubblica. Alla sua prima volta in Italia, Alican è entusiasta ed incredulo per aver vinto questo importante premio, il suo primo a livello internazionale.

Non è la prima volta invece che si esibisce come solista con una orchestra, in questo caso di 47 elementi, e allora si manifesta immediatamente la sua maestria nel gestire la situazione e nell’affinità con il direttore della Form – Orchestra Filarmonica Marchigiana, il M° Romolo Gessi. Insieme eseguono il Concerto per violino e orchestra il re minore Opera 47 di Sibelius raccogliendo gli applausi convinti del pubblico in sala.

Terminata la serata, con il suo nuovo violino si è rifugiato lontano dalla folla in uno dei camerini dove era solito provare durante le giornate di concorso per provare il nuovo strumento, impaziente di carpirne il suono e l’anima musicale.